23 MAGGIO 2017
Attentato Manchester, Margelletti (Ce.S.I): 'Obiettivo bambini attentamente selezionato' - IntelligoNews

Una terribile notte di sangue a Manchester, dove un kamikaze si è fatto esplodere alla fine del concerto della cantante Ariana Grande, idolo dei teenager. Tragico il bilancio dell'attentato con 22 morti e (attualmente) 59 feriti che riaccende l'incubo terrorismo nel mondo Occidentale a poco più di un mese da quanto accaduto a Parigi lo scorso 20 aprile. Sulla strage Intelligonews ha intervistato Andrea Margelletti, presidente del Centro Studi internazionali.  

Lupo solitario, componente di una cellula, kamikaze dell'Isis. Che idea si è fatto della strage di Manchester?

"Una valutazione su questo è ancora impossibile, sarei matto a farla, mancano i dati su chi è l'attentatore, sull'esplosivo, ci sono troppe poche informazioni per una valutazione di questo tipo".


E' stato scelto un concerto, secondo lei c’è la volontà di colpire i giovani?

“Sono obiettivi attentamente selezionati”.

Quindi non scelgono in base ai minori controlli e alla facilità di riuscire a compiere l'attentato?

"No, lo hanno già fatto al Bataclan, ma non solo. Per loro i giovani, i bambini sono vittime legittime”.


Perché?


“Nel momento in cui l'Isis, se di Isis si tratta in questo caso, prende i bambini di 5/6 anni e gli dà una pistola in mano per uccidere delle persone, vuol dire che per loro non c'è un livello di innocenza da non toccare. Come i bambini sono combattenti, così contestualmente sono anche obiettivi”.

Non trova strana la dinamica dell'attentato, con un kamikaze che ha aspettato la fine del concerto?

"Lui probabilmente è andato in una zona dove non c'erano controlli, l'importante era fare tanti morti. Si è messo in un posto dove potessero passare molte persone".

In Occidente il pericolo di eventi del genere sarà sempre in crescita?

"Ovviamente sì, noi continuiamo a non avere politiche comuni di contrasto al terrorismo, tutto ciò crea dei grossi problemi".

Il rischio aumenta con gli immigrati di seconda e terza generazione?

"Quando si parla di immigrati di seconda e terza generazione si parla di europei, un genitore non è che non può mettere al mondo un figlio per paura che diventi un delinquente".


Spesso però queste persone, pur essendo europei, rimangono molto sensibili alla cultura d'origine
.

"Loro si riconoscono in quel mondo e non in quello dove sono nati, si sentono soldati di quel mondo e non del proprio Paese".

 

Fonte: IntelligoNews