27 MAGGIO 2016
“Soldato futuro” è il Robocop con cui l’Italia vorrebbe andare in guerra

Davanti all'immagine di un militare con indosso occhiali balistici antilaser, elmetto con display miniaturizzato, fucile superleggero con microcamera termica, pensereste molto probabilmente a un personaggio uscito da un videogame alla Metal Gear Solid. Oppure al protagonista di uno dei tanti film hollywoodiani fantascientifici che cercano di immaginare le guerre del futuro.

Vi sbagliereste di grosso: è il Soldato Futuro, il prototipo del combattente high-tech concepito dall'Esercito Italiano. Un militare in carne e ossa, ma che viene ricoperto di tecnologie all'avanguardia da testa a piedi, per un equipaggiamento che arriverebbe a costare in media almeno 158mila euro a unità.

È la visione finale di un progetto ambizioso che dopo più di un decennio di ricerca, vari ritardi e miliardi di investimenti pubblici, sta iniziando solo ora a materializzarsi.

L'idea di digitalizzare le truppe italiane nasce nel lontano 1999, quando il Comitato dei Capi di Stato Maggiore - in pratica il gotha delle forze armate - approva un programma dal nome evocativo: "Combattente 2000".

L'obiettivo è quello di seguire la scia degli Stati Uniti, da anni impegnati a trovare un modo per sfruttare gli ultimi ritrovati tecnologici in campo militare.

La storia: a inizio millennio il governo stanzia un finanziamento iniziale di 17 milioni di euro, ma negli anni successivi si fanno pochi passi avanti. Tutto cambia nel 2004, con la nomina a Capo di Stato Maggiore della Difesa dell'Ammiraglio Giampaolo di Paola — al nuovo capo delle forze armate la digitalizzazione sta particolarmente a cuore, tanto che più avanti da ministro tecnico del governo Monti la risparmierà dalla spending review.

Subito dopo l'ascesa di Di Paola, infatti, vengono pubblicati alcuni documenti nei quali si spiega la visione futura della Difesa, e si esorta a inseguire la rivoluzione tecnologica. "Non possiamo rimanere attardati, dobbiamo muoverci nella direzione di sviluppare concetti e capacità operative coerenti con quelle dei nostri partner," scriveva l'Ammiraglio con toni semi-apocalittici. "Se non lo faremo resteremo inesorabilmente tagliati fuori dalla possibilità di interoperare nell'ambito delle missioni internazionali."

Il concetto a cui si riferiva Di Paola è quello che, da lì in avanti, dominerà il vocabolario militare globale: guerra net-centrica.

Riassumendo senza troppi tecnicismi, questa dottrina vede la trasformazione di tutte le unità presenti sul campo di battaglia (soldati, mezzi di terra, aerei, droni) in sensori in grado di raccogliere e scambiare informazioni in tempo reale. Con lo scopo, ovviamente, di prendere decisioni più rapidamente e avere un vantaggio operativo sugli avversari.

"Grazie ai vari sensori e alla fusione delle informazioni, questa superiorità favorisce una migliore gestione delle operazioni da parte dei comandanti," spiega a VICE News Tommaso De Zan, autore di un report sulla digitalizzazione dell'Esercito per l'Istituto Affari Internazionali. "[Si può garantire] una più efficace capacità di identificazione, classificazione ed ingaggio dell'obiettivo, una maggiore localizzazione delle forze alleate e protezione del soldato dal fuoco amico."

E la pedina chiave di questo sistema iper-connesso è proprio il Soldato Futuro.

Come la Difesa dipingeva la guerra net-centrica nel 2005 (screenshot via)

"Per un civile può essere difficile capire cosa sia un sistema net-centrico o il Soldato Futuro," spiega a VICE News Francesco Tosato, senior analyst del Centro Studi Internazionali. "In pratica vuol dire disporre al soldato sul campo di battaglia di quelle tecnologie in grado di scambiare dati, video, mappe che noi usiamo tutti i giorni. Solamente su sistemi più sicuri e affidabili."

I gadget di Soldato Futuro

Per realizzare questa visione i singoli soldati verranno equipaggiati con gadget quasi futuristici. Ai combattenti di prima linea dovrebbe essere dato in dotazione un elmetto con un oculare elettronico che permette di spostarsi in condizioni di scarsissima luminosità e di visualizzare mappe, fotografie e posizione dei nemici.

Una mini telecamera stile Go-Pro montata in cima all'elmetto, nel progetto, dovrebbe riprende invece le immagini che poi verranno trasmesse alla centrale operativa.

Le comunicazioni tra i componenti della truppa saranno garantite da una radio a banda larga integrata con microfono e sensore fisiologico, in grado di monitorare lo stato di salute del soldato grazie a misurazioni della pressione sanguigna e del battito cardiaco. Lo scambio di dati sulla rete sarà gestito da un minicomputer personale fornito a ogni singolo soldato.

I comandanti avranno tra le mani l'unità di acquisizione bersagli, un dispositivo che consente di localizzare i bersagli sia di giorno che di notte grazie alla misurazione di coordinate azimut e di elevazione. Dati che verranno poi trasmessi in modalità wireless ai soldati in prima linea pronti a colpire.

In questo modo, promettono gli esperti della Difesa, aumenterà la precisione di tiro e diminuiranno i danni collaterali — che nel gergo militare stanno a significare le morti dei civili.

È difficile, però, indicare con certezza se e quando questi gadget verranno schierati in campo.

Il programma è stato già rivisto diverse volte. Lo sviluppo di alcuni componenti è stato posticipato a data da destinarsi, mentre altri elementi sono stati proprio cancellati per costi eccessivi o scarsa utilità.

Inizialmente la durata dell'intero programma di digitalizzazione dell'Esercito - chiamato Forza NEC - era stimata in 25 anni dal 2007 al 2031.

"Tuttavia la natura stessa dei finanziamenti, unita a una serie di complicazioni di natura tecnico-tecnologica, hanno successivamente condizionato in maniera significativa lo sviluppo e l'attuazione del programma," precisa Tommaso De Zan.

Per esempio, secondo le stime iniziali, la fase di sviluppo e sperimentazione si sarebbe dovuta chiudere nel 2013. Diversi problemi tecnici hanno però fatto slittare la data di conclusione, che è ora indicativamente fissata per il 2020.

I continui ritardi hanno portato la Difesa a modificare la natura stessa del programma. Se originariamente si pensava di introdurre l'equipaggiamento digitale in blocco, adesso i gadget vengono forniti mano a mano che sono pronti.

Quanto costa? E chi lo costruisce?

I costi per realizzare il sogno di avere delle forze armate super-tecnologiche non sono da poco. Nel 2006 la spesa totale per il completamento del programma Forza NEC era stimataa ben 22 miliardi di euro.

"Tale calcolo," dicono gli esperti sentiti da VICE News, "è da considerarsi puramente indicativo."

Di sicuro, però, si sa che finora dalle casse pubbliche sono usciti 815 milioni di euro per finanziare il progetto di digitalizzazione. Soldi spesi in parte anche per comprare i prototipi di Soldato Futuro.

Nel 2007, la Difesa ha commissionato 92 esemplari sperimentali, per un costo totale di14,56 milioni di euro. Facendo un semplice calcolo, si può quindi stimare il prezzo di una singola unità di Soldato Futuro: 158.000. Un costo che potrebbe lievitare ulteriormente, visto che i componenti più tecnologici - e costosi - del sistema non sono ancora stati prodotti.

Soldi pubblici finiti nelle tasche dei giganti italiani delle armi. Lo sviluppo di Soldato Futuro, infatti, è tutto nelle mani di Selex, conglomerato che raggruppa Finmeccanica, Beretta, Sistema Compositi e Aerosekur.

Dopo un finanziamento iniziale di 330 milioni di euro nel 2010, il Ministero della Difesa e Selex hanno firmato un nuovo contratto per lo sviluppo di Forza NEC dal valore di 307 milioni di euro nel dicembre del 2013. Un accordo raggiunto per mezzo di una procedura negoziata, ovvero senza bando regolare, e che per questo ha fatto rizzare le antenne della Corte dei Conti, che ha chiesto chiarimenti al ministero.

Secondo la Corte, infatti, il ricorso a quello che dovrebbe essere un metodo di procurementstraordinario per tutte le fasi del progetto "non assicura il rispetto delle regole di trasparenza e concorrenza nell'aggiudicazione de contratti."

In risposta ai dubbi sollevati dalla Corte dei Conti, il ministero ha scritto che Selex è "l'unica società in grado di eseguire la fornitura con requisiti tecnici e il grado di perfezione richiesti."

Fonte: Vice News