MEDIO ORIENTE E NORD AFRICA
Il Kurdistan iracheno alla sfida del referendum tra fragilità interne e complessi equilibri regionali
FOCUS REPORT - 22.09.2017 - Lorenzo Marinone
Il progressivo ridimensionamento della minaccia di Daesh, dopo la sconfitta patita a Mosul nel luglio scorso, ha fatto riemergere quelle dispute tra autorità centrali e Governo della Regione del Kurdistan (KRG), relative al grado di autonomia politica ed economica di Erbil, che solo l’avanzata dei miliziani di al-Baghdadi e il rischio concreto di un collasso dello Stato avevano congel...
LEGGI TUTTO
Israele di fronte al rafforzamento di Hezbollah in Siria
BRIEF REVIEW - 07.09.2017 - Lorenzo Marinone
Nella notte tra il 6 e il 7 settembre Israele ha condotto un nuovo strike aereo in Siria. L’attacco ha colpito un complesso vicino a Masyaf, città a metà strada fra Hama e Tartus, non lontana dal confine con il Libano. La struttura ospitava il Centro per la ricerca scientifica di al-Tala’i, organismo legato allo sviluppo di tecnologie missilistiche avanzate e alla produzi...
LEGGI TUTTO
La crisi siriana: il fronte orientale e le incertezze politiche della stabilizzazione
FOCUS REPORT - 19.07.2017 - Lorenzo Marinone
Gli importanti sviluppi della crisi siriana maturati tra gli ultimi mesi del 2016 e il primo semestre del 2017 hanno aperto una nuova fase del conflitto. Gli eventi che definiscono le coordinate di questo cambiamento sono la riconquista di Aleppo da parte del fronte lealista, alla fine dello scorso dicembre, e l’avvio su larga scala dell’offensiva contro lo Stato Islamico (IS) a Raqqa ...
LEGGI TUTTO
Il rafforzamento del Generale Haftar in Libia
BRIEF REVIEW - 22.06.2017 - Pierluigi Barberini
Nelle ultime settimane la posizione del Generale Khalifa Haftar, uomo forte del governo di Tobruk, si è consolidata, soprattutto nelle zone centro-meridionali della Libia. Infatti, nei primi giorni di giugno le forze dell’autoproclamato Esercito Nazionale Libico (ENL) hanno assunto il controllo dell’importante base aerea di Jufra, circa 500 chilometri a sud di Tripoli, assieme a...
LEGGI TUTTO
Il ruolo del Fezzan nella crisi libica
OSSERVATORIO - 07.06.2017 - Lorenzo Marinone
La perdurante instabilità che continua a caratterizzare la Libia vede nella sua vasta regione desertica meridionale, il Fezzan, uno dei fronti più caldi, sia sotto il profilo della sicurezza che per quanto riguarda gli sviluppi della contrapposizione tra i diversi attori politici e militari nazionali. Da un punto di vista geografico, la stretta interconnessione che intrattiene con la...
LEGGI TUTTO
La crisi finanziaria dell' ISIS
OSSERVATORIO TERRORISMO - 18.05.2017 - Pierluigi Barberini
Nel corso degli ultimi mesi, nei teatri siriano e iracheno, lo Stato Islamico (IS o Daesh) ha perso diversi territori precedentemente sotto il suo controllo e attualmente si trova in seria difficoltà nel difendere le sue roccaforti, Raqqa in Siria e Mosul in Iraq. La crisi militare di Daesh è strettamente connessa alla crisi che ha progressivamente colpito le finanze dell’organ...
LEGGI SU OSSERVATORIOTERRORISMO.EU
La corsa alle presidenziali in Iran
BRIEF REVIEW - 16.05.2017 - Francesco Guastamacchia
Il prossimo 19 maggio da 55 milioni di cittadini iraniani saranno chiamati alle urne per eleggere il nuovo Presidente. Queste sono le prime elezioni dallo storico accordo sul nucleare (Joint Comprehensive Plan of Action – JCPOA), firmato dal governo di Teheran con il gruppo dei così detti 5+1 (i membri del Consiglio di Sicurezza dell’ONU e la Germania) nel luglio 2015, che preve...
LEGGI TUTTO
The current scenario in Iraq and in the wider Middle East
20.09.2017 - Ce.S.I. Staff
The current scenario in Iraq and in the wider Middle East 20th September 2017 Sala Consiliare, ANSA Via della Dataria, 94 Rome Opening: 15.00 The roundtable is meant as a moment of analysis and reflection on the main political, social and security issues that characterize today's Iraq. Repercussions on the wider Middle East region and their impact at the global level will also be address...
LEGGI TUTTO
Lo scenario attuale iracheno e mediorientale
20.09.2017 - Ce.S.I. Staff
  Lo scenario attuale iracheno e mediorientale 20 Settembre 2017 Sala Consiliare, ANSA Via della Dataria, 94 Rome Inizio: 15.00 La tavola rotonda si propone come un momento di analisi e di riflessione sulle più importanti questioni politiche, sociali e, in particolare, securitarie che caratterizzano l'Iraq dei giorni nostri, incluse le loro ripercussioni a livello regionale ...
LEGGI TUTTO
Tavola Rotonda - “La stabilità del Medio Oriente: un approccio multilaterale per sfide comuni”
07.11.2016 - Ce.S.I. Staff
Il Ce.S.I Centro Studi Internazionali in collaborazione con la Reale Ambasciata dell'Arabia Saudita in Italia  presenta “La stabilità del Medio Oriente: un approccio multilaterale per sfide comuni”   7 Novembre 2016 Inizio: 12.00 La Tavola Rotonda intende essere un momento di dibattito e approfondimento sui diversi aspetti e le molteplici criticità che car...
LEGGI TUTTO
Round Table - "The stability of the Middle East: Multilateral solutions for common challenges"
07.11.2016 - Ce.S.I. Staff
Ce.S.I. - Centro Studi Internazionali, in collaboration with the Royal Embassy of Saudi Arabia in Italy presents "The stability of the Middle East: Multilateral solutions for common challenges"    7th November 2016 Opening session:12.00 The event intends to be a moment of debate and analysis about the current situation in Middle East and the effects that this instability could have...
LEGGI TUTTO
Tavola Rotonda: Guest Speaker Onorevole Taha Ozhan
07.11.2016 - Ce.S.I. Staff
Il Ce.S.I. Centro Studi Internazionali, questo pomeriggio, avrà l’onore di ospitare il Presidente della Commissione Esteri dell’Assemblea Nazionale della Repubblica di Turchia, l’onorevole Taha Ozhan, membro del partito di governo AKP (Partito della Giustizia e dello Sviluppo). Nei prossimi giorni il Presidente Ozhan ha in agenda incontri con personalità istituzion...
LEGGI TUTTO
Breakfast @ Ce.S.I. - The challenges of the new radicalization: threats and prevention of jihadist extremism
25.10.2016 - Ce.S.I. Staff
The first meeting about radicalization and possible countermeasures. To analyse the issues of threats from jihadist extremism and how Europe it's addressed the issue of de-radicalization.The panel will see the participation of the following speakers:- Hon. Andrea Manciulli-President of the Italian Parliamentary Delegation to NATO- Col. Giovanni Fabi - Commander of the Anti-Terrorism Departmen...
LEGGI TUTTO
Presentazione dell'Atlante Geopolitico del Mediterraneo 2016
04.05.2016 - Ce.S.I. Staff
Il Ce.S.I. - Centro Studi Internazionali e l'Istituto di Studi Politici “S. Pio V”in collaborazione con la Biblioteca del Senato “Giovanni Spadolini” presentano  Atlante Geopolitico del Mediterraneo 2016 Mercoledì 4 maggio 2016Inizio dei lavori: 17:00 Fine dei lavori: 19:00Biblioteca del Senato “Giovanni Spadolini” Sala degli Atti ParlamentariPiaz...
LEGGI TUTTO
Presentation of the Geopolitical Atlas of the Mediterranean, 2016 edition
04.05.2016 - Ce.S.I. Staff
 Ce.S.I. - Centro Studi Internazionali and Istituto di Studi Politici “S. Pio V”in collaboration with Biblioteca del Senato “Giovanni Spadolini”present Geopolitical Atlas of the Mediterranean, 2016 edition Wednesday 4th May 201617:00 - 19:00Biblioteca del Senato “Giovanni Spadolini” Sala degli Atti ParlamentariPiazza della Minerva 38, RomaProgra...
LEGGI TUTTO
Striscia di Gaza, quali interessi economici? - L'Indro
21.09.2017 - Francesco Cutello
Intervista a due esperti di politiche mediorientali, Lorenzo Marinone e Andrea Dessì La recente apertura di Hamas all’Anp sembra essere uno dei più significativi passi verso l’attenuarsi del conflitto nella Striscia di Gaza negli ultimi anni. Fra le principali motivazioni che hanno spinto Hamas a cercare di mediare con Abu Mazen, Presidente dell&...
LEGGI TUTTO
Iraq: 'Isis quasi sconfitta ma attenti' - ANSA
20.09.2017 - Redazione ANSA
Esperti a Forum ANSA-Ce.S.I, 'nuovi jihadisti, occhio ai social'   L'Isis è stata praticamente sconfitta militarmente in Iraq, ma non per questo la questione del terrorismo islamico è stata completamente risolta nel paese e nell'area mediorientale. Occorre mantenere la pressione perché spuntano nuove generazioni di jihadisti pronti ad infiltrarsi nella societ&agra...
LEGGI TUTTO
Traffickers open new route from Algeria to Europe - The Times
06.09.2017 - Tom Kington - The Times
Italy has raised the alarm over a surge in migrants setting off from Algeria, raising fears that the north African country is on course to replace Libya as the starting point of a new Mediterranean route for Europe. About 800 people have made the crossing from Algeria this year, landing on beaches in Sardinia in small wooden boats after 24 hours at sea. In one four-day period this summer, 11 boat...
LEGGI TUTTO
Libyan militia chief admits deal with Tripoli to stem migrant flow - The Times
01.09.2017 - Tom Kington - The Times
A powerful Libyan militia commander and suspected trafficking kingpin has struck a deal with Tripoli to stem the flow of migrants to Europe in exchange for cars, boats and the recognition of his force as a legitimate security body. Ahmed Dabbashi, who commands the Anas Dabbashi brigade, said that he met officials from Libya’s UN-backed government in July to discuss how to shut down people t...
LEGGI TUTTO
La Guardia costiera libica non esiste - Il Post
26.08.2017 - Luca Misculin - Il Post
La forza di sicurezza che dovrebbe pattugliare 600 chilometri di costa libica e fermare i migranti è un'accozzaglia di milizie e personaggi ambigui, ed è un problema   L’8 febbraio di quest’anno nel porto della Valletta, la capitale di Malta, c’era una certa agitazione. Su una delle banchine c’erano decine di persone in divisa. Per terra, risaltava...
LEGGI TUTTO
Libia, ecco perché per stroncare i traffici bisogna aiutare il Fezzan - Formiche.net
06.08.2017 - Stefano Vespa - Formiche.net
Se un ragazzo che abita nel sud della Libia preferisce lavorare per i trafficanti anziché studiare, se il petrolio viene contrabbandato e l’agricoltura non è sfruttata al meglio, non ci si deve stupire se un’area enorme e quasi desertica è da sempre in mano a bande criminali che da lì fanno passare le centinaia di migliaia di persone che abbandonano la propr...
LEGGI TUTTO
«Le minacce dei libici non sono concrete» L'intervista a Lorenzo Marinone, Analista del Ce.S.I. sul Giornale di Sicilia
04.08.2017 - Gerardo Marrone - Giornale di Sicilia
«Non mi risulta che Haftar abbia detto di voler bombardare le navi italiane. Questa è la versione diffusa da un media saudita. Lui ha usato un'espressione più ambigua, più lasca, affermando che dovrà “occuparsi” di quelle navi. Ad ogni modo, non rappresenta un rischio effettivo. Non ha i mezzi per concretizzare le sue minacce». Lorenzo Marinone, ...
LEGGI TUTTO
Libia, Margelletti (Ce.S.I): 'Il problema sono i tanti attori esterni' - IntelligoNews
03.08.2017 - Stefano Ursi - IntelligoNews
Nell'infinita vicenda sbarchi dei migranti a essere ora sotto accusa sono le Ong. Prima il rifiuto di firmare il Codice di Condotta voluto dal governo, poi la notizia, che campeggia sulle prime pagine di tutti i giornali italiani, dell'accusa di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina per la nave Ong tedesca fermata dalle motovedette della Guardia costiera. Su quanto sta accadendo e sui deli...
LEGGI TUTTO