MALI
Geopolitical Weekly n. 299
06.07.2018 - Giulia Guadagnoli e Giulia Lillo
Algeria Lo scorso 4 luglio, sono stati rimosse due figure di spicco del Ministero della Difesa algerino: il direttore del personale Mokdad Benziane ed il direttore finanziario Boudouar Budjemaa, entrambi vicini al Presidente Abdelaziz Bouteflika. Questi licenziamenti seguono altre recenti destituzioni, che hanno coinvolto prima il capo della Sicurezza Nazionale Abdelghani Hamel (24 giugno) ed il ...
LEGGI TUTTO
Geopolitical Weekly n. 288
20.04.2018 - Giulio Nizzo
Mali Lo scorso 14 aprile si è verificato un attacco ad una base militare a Timbuctu dove si trovavano stanziati militari ONU e soldati francesi, rispettivamente coinvolti nelle operazioni MINUSMA (Mission multidimensionnelle intégrée des Nations unies pour la stabilisation au Mali) e Barkhane, i cui obbiettivi sono di contribuire alla stabilizzazione delle turbolente regioni ...
LEGGI TUTTO
Geopolitical Weekly n. 270
29.09.2017 - Gabriella Morrone
Giappone Il 28 settembre, al rientro dalla pausa estiva, il Primo Ministro giapponese Shinzo Abe ha dissolto la Camera Bassa del Parlamento e ha indetto elezioni anticipate, che si terrano il prossimo 22 ottobre. La scelta di Abe giunge in un momento in cui il suo partito di riferimento, il Partito Liberal Democratico (PLD), sta registrando una netta ripresa in termini di gradimento popolare, ris...
LEGGI TUTTO
Geopolitical Weekly n. 265
23.06.2017 - Francesco Guastamacchia e Roberta Santagati
Arabia SauditaIl 21 giugno, il Re Salman dell’Arabia Saudita ha deciso di elevare a principe ereditario il figlio trentunenne Mohammad bin Salman, già vice nella successione al trono, rimuovendo il cinquantasettenne Muhammad bin Nayef, a lungo Ministro dell’Interno, e sollevandolo anche da qualsiasi altro incarico. La decisione del Re è stata appoggiata da 31 dei 34 membr...
LEGGI TUTTO
Geopolitical Weekly n.258
05.05.2017 - Pierluigi Barberini
Afghanistan   Lo scorso mercoledì 3 maggio un attacco suicida ha colpito un convoglio militare NATO a Kabul, provocando la morte di 8 civili e il ferimento di almeno altre 28 persone. L’esplosione sarebbe stata causata da un’autobomba e avrebbe avuto come obiettivo il convoglio di veicoli militari facenti parte della missione internazionale Resolute Support, che tuttavia ...
LEGGI TUTTO
Geopolitical Weekly n.250
10.03.2017 - Pierluigi Barberini e Monica Esposito
Cina Lo scorso 5 marzo è iniziata a Pechino l'Assemblea Nazionale del Popolo Cinese (NPC), eletta ogni cinque anni e che si riunisce una volta all'anno per 11 giorni. Si tratta della più alta istituzione statale e unica camera legislativa della Repubblica Popolare Cinese e, in quanto tale, ratifica le decisioni già prese dal Partito. La sessione annuale ha, infatti, lo scopo d...
LEGGI TUTTO
Geopolitical Weekly n.239
02.12.2016 - Ruggero Balletta
Arabia Saudita Il 30 novembre, l’Organizzazione degli Stati Produttori di Petrolio (OPEC) ha raggiunto l’accordo per la riduzione della produzione petrolifera a 32,5 milioni di barili al giorno, con la possibilità facoltativa di scendere a 31.9 tra gennaio e giugno del 2017. Inoltre, l’accordo prevede la riduzione della produzione anche per i principali provider idrocarbu...
LEGGI TUTTO
Geopolitical Weekly n.229
29.07.2016 - Luigi Rossiello e Giulia Conci
Sommario: Afghanistan, Germania, Francia, Iraq, Mali    Afghanistan   Lo scorso 23 luglio a Kabul, in piazza Deh Mazang, due attentatori suicidi hanno colpito un corteo di protesta della minoranza sciita di etnia Hazara, provocando 80 vittime e il ferimento di più di 250 persone. L’attacco è stato rivendicato dallo Stato Islamico (IS) e, secondo fonti del s...
LEGGI TUTTO