GUERRA CIVILE
Guerra civile in Congo?
05.06.2017 - Marco Di Liddo
Ad appena 3 anni dalla neutralizzazione del Movimento 23 Marzo (M23), organizzazione ribelle di etnia tutsi attiva nelle province orientali del Nord e Sud Kivu, la Repubblica Democratica del Congo (RDC, ex Zaire) deve nuovamente confrontarsi con la minaccia di un’insurrezione etnica locale potenzialmente capace di degenerare in una vera e propria guerra civile.   N...
LEGGI TUTTO
La guerra civile yemenita e il ruolo di AQAP
26.04.2017 - Pierluigi Barberini
Lo scorso 28 gennaio gli Stati Uniti hanno condotto un’operazione speciale nella provincia di Bayda, nello Yemen centrale, durante la quale sono rimasti uccisi 14 membri del gruppo jihadista al-Qaeda nella Penisola Araba (AQAP) e un soldato americano. Si tratta del primo caduto in battaglia della nuova Amministrazione Trump, che ha deciso di autorizzare la missione dopo che questa era stata ...
LEGGI SU OSSERVATORIOTERRORISMO.EU
Guerra civile e pulizia etnica in Sud Sudan
09.01.2017 - Marco Di Liddo
Nella prima settimana di dicembre 2016, il Governo del Sud Sudan ha autorizzato la mobilitazione di oltre 4.000 miliziani di etnia Dinka allo scopo di ripristinare l’ordine e la sicurezza nei territori adiacenti alla capitale Juba.   Tuttavia, i miliziani in questione hanno attaccato i membri delle minoranze locali, generalmente definiti come “equatoriani” (abitanti della ...
LEGGI TUTTO
Escalation in Yemen
09.10.2015 - Ce.S.I. Staff
Lo Yemen, giunto ormai al settimo mese di guerra civile, risulta ancora un Paese dal futuro incerto, spaccato e diviso tra 2 schieramenti contrapposti, il fronte del Presidente Hadi e quello dei gruppi ribelli. Quest’ultimo è costituito dagli Houthi, sciiti zaydi originari della regione settentrionale di Sada, e dagli ex appartenenti alle Forze Armate yemenite rimasti fedeli al depost...
LEGGI TUTTO
Svolta in Siria?
06.07.2015 - Ce.S.I. Staff
La guerra civile siriana è entrata negli ultimi mesi in una nuova fase. Tradizionalmente il regime di Assad ha mantenuto una presenza delle proprie Forze Armate su tutto il territorio nazionale. Un modo per tentare di evitare la divisione del Paese. In questo senso, di fondamentale importanza sono stati il presidio della regione centrale, necessario per garantire la sicurezza della direttri...
LEGGI TUTTO
Mali, una quiete apparente
01.06.2015 - Ce.S.I. Staff
A distanza di 2 anni dagli accordi di Ouagadougou (giugno 2013) e dopo i tentativi di mediazione effettuati da Algeria, Mauritania e Burkina Faso, il conflitto maliano è ben lungi dal trovare una soluzione stabile.Il 15 maggio scorso, a Bamako, il Governo maliano ha siglato l’accordo di pace con il Coordinamento dei Movimenti dell’Azawad (CMA), comitato che riunisce i gruppi rib...
LEGGI TUTTO
L’ombra della guerra civile nella CAR
12.12.2013 - Staff Ce.S.I.
Il 5 dicembre 2013 le Nazioni Unite hanno autorizzato un intervento internazionale per favorire la stabilizzazione della Repubblica Centrafricana (CAR), Paese sull’orlo della guerra civile a causa della degenerazione della situazione politica e di sicurezza in seguito alla ribellione di Sèlèka (“coalizione” in lingua sango) e al colpo di Stato che ha portato al pote...
LEGGI TUTTO