MEDIO ORIENTE E NORD AFRICA
Il labirinto libico. Il percorso verso le elezioni e il futuro del processo di riconciliazione
PUBBLICAZIONI - 10.09.2018 - Lorenzo Marinone
Dal 26 agosto scorso, Tripoli è stata teatro di violenti scontri armati tra milizie rivali, congelati solo da un fragile cessate il fuoco raggiunto il 4 settembre con la mediazione dell’ONU. La dinamica con cui si sono svolti e le ragioni che hanno portato a questi combattimenti restituiscono un quadro sintetico ed efficace delle principali vulnerabilità del processo di riconci...
LEGGI TUTTO
Le possibili conseguenze politiche dei recenti scontri a Tripoli
BRIEF REVIEW - 05.09.2018 - Lorenzo Marinone
Gli scontri a Tripoli iniziati il 26 agosto scorso, e bloccati solo da un fragilissimo cessate il fuoco il 4 settembre, sono la conseguenza diretta di due fattori ben precisi: l’incapacità delle istituzioni centrali di dare nuova unità a una Libia frammentata sul piano politico, sociale e militare; e l’avventatezza delle soluzioni politiche proposte da parte della Comunit...
LEGGI TUTTO
Il ponte libico sul Sahel: le vulnerabilità politiche e di sicurezza nella regione di Ghat
FOCUS REPORT - 04.07.2018 - Marco Di Liddo
Sotto il profilo geopolitico e securitario, la regione del Fezzan rappresenta quella “terra di mezzo” dove si intersecano e fondono le dinamiche della perdurante crisi libica e di quell’enorme spazio governato da network terroristici, movimenti etnici di insorgenza e reti criminali che è il Sahel-Sahara. Con la caduta del regime di Gheddafi, nel 2011, il Fezzan, regione ch...
LEGGI TUTTO
Elezioni in Turchia, le incognite del voto preoccupano Erdoğan
FOCUS REPORT - 20.06.2018 - Lorenzo Marinone e Giulio Nizzo
Il prossimo 24 giugno la Turchia sarà chiamata alle urne per rinnovare il Parlamento e scegliere il nuovo Presidente, in una tornata elettorale anticipata di 18 mesi rispetto alla naturale scadenza della legislatura. A prescindere da quale sarà l’esito delle urne, il voto costituisce senza dubbio un passaggio cruciale per il Paese, che negli ultimi tre anni ha attraversato uno ...
LEGGI TUTTO
Il ruolo delle milizie libiche nel traffico di esseri umani
FOCUS REPORT - 14.06.2018 - Lorenzo Marinone
Il 7 giugno scorso il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha approvato un pacchetto di sanzioni contro alcuni dei principali referenti dei network criminali dediti al traffico di migranti in Libia. Le sei figure individuate dall’ONU sono accusate di gestire una vasta rete di traffici i cui terminali sono situati sulla costa tripolina, alimentare un vero e proprio mercato dei migranti ...
LEGGI TUTTO
La Tunisia tra stallo politico e persistente affanno dell’economia
BRIEF REVIEW - 13.06.2018 - Mohamed el-Khaddar
Il 20 marzo scorso, nel discorso tenuto in occasione del 62˚ anniversario dell’indipendenza, il Presidente della Repubblica Beji Caid Essebsi ha auspicato un aggiornamento dell’Accordo di Cartagine, siglato nel 2016, e una revisione della legge elettorale in vista delle elezioni legislative previste per il 2019. Dietro questo annuncio si registra una presa d’atto di due question...
LEGGI TUTTO
L’iniziativa diplomatica della Francia nella crisi libica e le prospettive di stabilizzazione del Paese
FOCUS REPORT - 28.05.2018 - Lorenzo Marinone
Le modalità e la tempistica con cui la Francia ha rilanciato il proprio ruolo nella crisi libica gettano più di un’ombra sulla volontà di Parigi di incidere realmente sulle cause profonde della frattura istituzionale e della frammentazione politica e sociale del Paese, e aprono inquietanti interrogativi circa le prospettive di stabilizzazione e l’esito delle altre ...
LEGGI TUTTO
L'attuale scenario iracheno e mediorientale
20.09.2017
  20 Settembre 2017 Sala Consiliare, ANSA Via della Dataria, 94 Rome Inizio: 15.00 La tavola rotonda si propone come un momento di analisi e di riflessione sulle più importanti questioni politiche, sociali e, in particolare, securitarie che caratterizzano l'Iraq dei giorni nostri, incluse le loro ripercussioni a livello regionale e globale. Oggetto del confronto saranno an...
LEGGI TUTTO
Tavola Rotonda - “La stabilità del Medio Oriente: un approccio multilaterale per sfide comuni”
07.11.2016
Il Ce.S.I Centro Studi Internazionali in collaborazione con la Reale Ambasciata dell'Arabia Saudita in Italia      7 Novembre 2016 Reale Ambasciata dell'Arabia Saudita in Italia  Inizio: 12.00 La Tavola Rotonda intende essere un momento di dibattito e approfondimento sui diversi aspetti e le molteplici criticità che caratterizzano l’attuale scenario della reg...
LEGGI TUTTO
Tavola Rotonda: Guest Speaker Onorevole Taha Ozhan
07.11.2016
Il Ce.S.I. Centro Studi Internazionali, questo pomeriggio, avrà l’onore di ospitare il Presidente della Commissione Esteri dell’Assemblea Nazionale della Repubblica di Turchia, l’onorevole Taha Ozhan, membro del partito di governo AKP (Partito della Giustizia e dello Sviluppo). Nei prossimi giorni il Presidente Ozhan ha in agenda incontri con personalità istituzion...
LEGGI TUTTO
Presentazione dell'Atlante Geopolitico del Mediterraneo 2016
04.05.2016
Il Ce.S.I. - Centro Studi Internazionali e l'Istituto di Studi Politici “S. Pio V”in collaborazione con la Biblioteca del Senato “Giovanni Spadolini” presentano  Atlante Geopolitico del Mediterraneo 2016 Mercoledì 4 maggio 2016Inizio dei lavori: 17:00 Fine dei lavori: 19:00Biblioteca del Senato “Giovanni Spadolini” Sala degli Atti ParlamentariPiaz...
LEGGI TUTTO
Presentazione dell'Atlante geopolitico del Mediterraneo 2014
09.05.2014
Le vicende degli Stati della sponda sud del Mediterraneo, a due anni dall'esplosione della "Primavera Araba", costituiscono una delle principali sfide che la comunità internazionale e, in particolar modo, l'Europa dovranno affrontare e risolvere nei prossimi anni. L'instabilità politica ed economica ancora perdurante, il problema dei sempre più consistenti flussi migratori, il...
LEGGI TUTTO
After the war. Political solutions to the conflicts in the Sahel region
10.07.2013
Il Ce.S.I - Centro Studi Internazionaliè lieto di invitarvi alla conferenza internazionaleAfter the war. Political solutions to the conflicts in the Sahel region Il Ce.S.I. ha organizzato un convegno che coinvolge tra le più importanti personalità esperte in materia per discutere delle origini e delle cause degli irredentismi e dei conflitti del Sahel, dei pericoli legati all...
LEGGI TUTTO
Il riavvio del processo di pace e del dialogo nel Mediterraneo: due nuove sfide per Italia e USA
21.03.2013
In occasione del primo viaggio in Israele del Presidente americano Obama, il Ce.S.I. vuole aprire uno spazio di riflessione sulle reali possibilità di dare nuova linfa al processo di pace in Medio Oriente e sulla necessità di una nuova politica di dialogo all’interno del Mediterraneo. La sfida non è solo per la nuova Amministrazione Obama, ma anche per l'Italia, nella cu...
LEGGI TUTTO
Presentazione dell'Atlante geopolitico del Mediterraneo 2013
17.01.2013
Il Ce.S.I. - Centro Studi Internazionali e l'Istituto di Studi Politici “S. Pio V” in collaborazione con la Biblioteca del Senato “Giovanni Spadolini” presentano il volume a cura di Francesco Anghelone e Andrea Ungari Atlante geopolitico del Mediterraneo 2013 Datanews Editrice   Giovedì 17 gennaio 2013, ore 17.00 Biblioteca del Senato “Giovann...
LEGGI TUTTO
Come comportarsi in zone di crisi - TRG Trentino Alto Adige
08.09.2018
Come comportarsi in zone di crisi           Fonte: TGR Trentino Alto Adige...
LEGGI TUTTO
Sopravvivere in guerra I funzionari Onu a “lezione” dal Settimo - AltoAdige
07.09.2018
Alla Caserma «Guella» dei Carabinieri cinque giorni per prepararsi alle missioni estere in contesti ostili   BOLZANO. Transitare da un’area sicura, stabilizzata, a una zona di conflitto, un territorio ostile, dove ogni parola e ogni movimento hanno un loro peso, dove ogni decisione può determinare il tuo destino e quello di chi ti circonda. Ritrovarsi nel mezzo...
LEGGI TUTTO
Carabinieri, gen. Mezzavilla in visita al corso "Safe and Secure Approaches in Field Environments" - ANSA
06.09.2018
(ANSA) - BOLZANO, 6 SEP - Si svolgerà venerdì 7 settembre a partire dalle 8.30, presso il 7° Reggimento Carabinieri Trentino Alto Adige a Laives, l'esercitazione conclusiva del 6/o corso "Safe and Secure Approaches in Field Environments" organizzato dall'Arma dei carabinieri in collaborazione con la Fao e il Centro Studi Internazionali di Roma, rivolto al personale Onu in partenz...
LEGGI TUTTO
Che fine faranno i 400 militari italiani che sono a Misurata, in Libia? - Huffington Post
06.09.2018
L'Italia è presente ufficialmente in Libia con la missione Miasit di assistenza e supporto al Governo di accordo nazionale di Fayez al-Sarraj E ora cosa accadrà ai 400 di Misurata? Ora che i Misuratini hanno cambiato casacca e deciso di aprire al nemico di ieri e possibile alleato dell'oggi: il generale Khalifa Haftar. Invece di vaneggiare su una improbabile, e più volte smen...
LEGGI TUTTO
Libia, ribelli all’assalto di Tripoli: 47 morti Salvini accusa la Francia: “Porto sicuro per i migranti? Chiedetelo a Macron” - Il Fatto Quotidiano
04.09.2018
La capitale nel caos. Truppe ribelli vicine a Khalifa Haftar, capo delle milizie di Tobruk, stringono lo spazio di Fayez Al Sarraj che ha proclamato lo stato d'emergenza. Si combatte nell'area di Abu Salim e secondi fonti della sicurezza i miliziani sono ormai vicini al centro della città. Il vicepremier contro Parigi: "Ha fatto guerre che non andavano fatte e indice elezioni senza sentire ...
LEGGI TUTTO
Libia, Margelletti: “Haftar è appoggiato dalla Francia, che tutela i suoi interessi petroliferi. L’Italia non lo sta facendo” - Il Fatto Quotidiano
04.09.2018
La Settima Brigata, che sta avanzando dal sud verso il centro della capitale controllata dal governo Sarraj patrocinato dall'Italia, è considerata vicina al capo militare di Tobruk, sostenuto da Parigi. Il presidente del Centro Studi Internazionali (Cesi): "La situazione è fluida, nel Paese non esistono macro alleanze. Mentre Macron segue l'interesse nazionale e non quello della coal...
LEGGI TUTTO
Escalation in Libia, ecco cosa sta succedendo - InTerris
03.09.2018
Lorenzo Marinone (Cesi): "Con l'obiettivo delle elezioni di dicembre, gli attori libici cercano di rientrare nel centro del potere" Una preoccupante escalation di violenza quella che ha costretto il Governo di accordo nazionale di Tripoli, guidato da Fayez al-Serraj, a dichiarare lo stato di emergenza all'interno della capitale, assediata dalle milizie ribelli della Settima brigata. Una...
LEGGI TUTTO
Il ruolo del petrolio nella crisi libica - RiEnergia
13.07.2018
Il petrolio è sempre stato la livella degli squilibri della Libia. Uno strumento politico, ancor prima che economico, che si è rivelato fondamentale per tenere insieme le tre regioni storiche del Paese, distanti per cultura e storia, e gestire le tensioni tra le diverse confederazioni, tribù e clan che ne compongono il tessuto sociale. Ne era ben consapevole il ...
LEGGI TUTTO